puntatore

The Holy Bible And Cross

potere alla storia

potere alla storia

Blog Archive

Partecipiamo

Partecipiamo
Historical Fiction Challenge 2012

consigliati da noi

consigliati da noi

l'artiglio del leone

avevano spento anche la luna

sosteniamo

SOSTENIAMO ---------- Image and video hosting by TinyPic

POST PIU CLICCATI

POST PIU CLICCATI

div

div

legge

div

div

serie TV1

Serie Tv interessanti:

borgia

borgia

the tudors

the tudors

downton abbey

downton abbey

titanic

titanic

div

div

GEMELLATO CON

IL BLOG è GEMELLATO CON:

collaboriamo

collaboriamo

slidCollabora


Fine_Sogno. Powered by Blogger.
mercoledì 26 ottobre 2011

Anteprima "Auschwitz. Ero il numero 220543" di Denis Avey



Una storia vera che uscirà il 27 ottobre in tutte le librerie per la 
casa editrice Newton Compton Editori


«Gli sono serviti più di sessant’anni per rompere il silenzio, ma in questo libro l’ultranovantenne Denis Avey racconta come si è introdotto ad Auschwitz per vedere con i suoi occhi gli orrori dell’Olocausto.»
Reuters

Grande successo internazionale tradotto in 11 paesi



Titolo: Auschwitz. Ero il numero 220543
Autore: Denis Avey
Editore: Newton Compton
Pagine: 309
Prezzo: € 9,90

Descrizione:
Era il 1944. Sono entrato ad Auschwitz di mia volontà

È possibile immaginare che qualcuno si sia introdotto volontariamente ad Auschwitz? Eppure, nel 1944, un uomo è stato capace di farlo. Denis Avey è un prigioniero di guerra inglese, che durante il giorno è costretto ai lavori forzati insieme ai detenuti ebrei. Gli basta poco per capire quale sia l’orrore che attende quegli uomini, consunti e stravolti, quando la sera fanno rientro al loro campo… Quello che intuisce è atroce, ma Denis sente di voler vedere con i propri occhi: in un gesto che pare folle, decide di scambiare la sua divisa da militare con gli stracci a righe di un ebreo di nome Hans, ed entrare nell’inferno di Auschwitz. Da quel momento ha inizio la sua lotta per salvare la propria vita e quella di tanti altri prigionieri ebrei. Una storia scioccante e commovente che, a più di sessant’anni dalla fine della seconda guerra mondiale, Denis Avey ha finalmente trovato la forza di raccontare. Per testimoniare, ancora una volta, l’orrore dell’Olocausto.


«Quand’era un giovane prigioniero di guerra, Avey ha realizzato un’impresa impossibile: entrare di nascosto nel campo di concentramento di Auschwitz, rischiando di farsi ammazzare seduta stante, pur di capire come agivano gli uomini che stavano perpetrando il peggior crimine nella storia.»
The Telegraph


«A sessantasei anni dalla liberazione di Auschwitz, e ora che i testimoni sopravvissuti agli orrori stanno morendo e le fila dei negazionisti si ingrossano ogni giorno di più, Denis Avey è arrivato proprio al momento giusto per raccontare la sua vicenda».
The Sunday Times


«Mentre milioni di persone avrebbero fatto di tutto pur di scappare dal campo di concentramento, Avey vi si è introdotto clandestinamente per testimoniare l’orrore e raccontare agli altri la verità».
BBC News

L'autore:


Denis Avey è nato nell’Essex nel 1919, si è arruolato nel 1939 nell’esercito britannico e ha combattuto nel deserto durante la seconda guerra mondiale. Dopo essere stato catturato, viene trasferito prima in Italia e poi nel campo di prigionia vicino ad Auschwitz III. Alla fine del conflitto, riesce tra mille peripezie a tornare nel Regno Unito, dove vive tutt’ora. È stato insignito dall’ex Primo Ministro inglese, Gordon Brown, della medaglia d’onore come eroe dell’Olocausto. Grazie a Rob Broomby, giornalista della BBC, la storia di Avey è finalmente diventata di pubblico dominio, prima con un documentario e poi con un libro tradotto in tutto il mondo. 


Booktrailer

10 pensieri:

Olivia ha detto...

Sono stata ad Auschwitz questo gennaio e il campo, in particolare Birkenau, mi ha colpita nel profondo. Penso che lo prenderò.

RobbyRoby ha detto...

ciao
mi colpiscono questi libri.
Metterò il libro tra i libri da leggere.
Ciao

Anonimo ha detto...

Solamente a guardare la copertina del libro c'è da scompisciarsi dalle risate...
"Ero il numero 220543": numero mai esistito ad Auschwitz visto che l'ultimo assegnato ufficialmente il 18 gennaio 1945 fu il 202499, dato all'Architetto Engelbert Marketsch nato il 30 agosto 1918 a Bleiberg!
Si tratta ovviamente dell'ennesimo caso di millanteria orrorifica, e non c'è da stupirsi visto che c'è da guadagnarci sopra. Del resto millantatori lo sono in stragrande maggioranza i cosiddetti "testimoni della Shoah" portati in giro e nelle scuole come trofei!

Fine ha detto...

Ora che mi ci fai pensare l'ultimo numero dato a un uomo risulta essere quello dell'architetto tedesco Engelbert Marketsch, forse avrà preso il posto di una donna visto che Eugenia Halbreich era il n. 29700?! Mah o forse è una bufala?!

Anonimo ha detto...

@Fine
Se non ti costa molto sforzo "letterario", ti puoi spiegare meglio?
nemo profeta

Fine ha detto...

Caro Anonimo
Cosa non ti risulta chiaro di quello che ho scritto? Ho semplicemente detto che a meno non abbia preso il posto di una donna, forse è una trovata per far soldi (quindi ti do' ragione)... Non mi sembra di aver "parlato" un'altra lingua Oo

Anonimo ha detto...

@Fine
Come diceva il Principe De Curtis: "E' la somma che fa il totale"
Ed aggiungeva: "Il resto è tutto grasso che cola"
Ti ringrazio per il cortese chiarimento, Fine, e scusami per l'inizio ironico del mio precedente intervento, ma sinceramente di primo acchito non avevo ben compreso il senso della tua risposta.
Ti cordializzo.
nemo profeta

Fine ha detto...

Di nulla, figurati :) A volte faccio dei giri di parole assurdi per dire semplicemente "SI, hai ragione" :P

Anonimo ha detto...

spero vivamente nn sia una bufala!!!!!!!sarebbe orrendo

Anonimo ha detto...

il numero fa riferimento alla numerazione da prigioniero di guerra... non di internato ebreo

add

add1

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger... http://www.wikio.it

traduttore

Search

Caricamento in corso...

le ultime recensioni

le ultime recensioni
clicca l'immagine

la voce

il dono

kayla

I nostri lettori

Chi ci segue?

I miei lettori

Follow Twitter

bottone wikio

http://www.wikio.it

facebook

Aspettiamo

Aspettiamo
clicca l'immagine

14 novembre

14 novembre

22novembre

div

div

icone giudizio

Icone di giudizio

Icone di giudizio ...^^

Icone di giudizio ...^^

div

div

archivio

archivio

Blog Archive

div

div

librerie anobii

LE NOSTRE LIBRERIE SU ANOBII

lib.Fine

LIBRERIA FINE

anobii F

lib.Sogno

LIBRERIA SOGNO