puntatore

The Holy Bible And Cross

potere alla storia

potere alla storia

Partecipiamo

Partecipiamo
Historical Fiction Challenge 2012

consigliati da noi

consigliati da noi

l'artiglio del leone

avevano spento anche la luna

sosteniamo

SOSTENIAMO ---------- Image and video hosting by TinyPic

POST PIU CLICCATI

POST PIU CLICCATI

div

div

legge

div

div

serie TV1

Serie Tv interessanti:

borgia

borgia

the tudors

the tudors

downton abbey

downton abbey

titanic

titanic

div

div

GEMELLATO CON

IL BLOG è GEMELLATO CON:

collaboriamo

collaboriamo

slidCollabora


Fine_Sogno. Powered by Blogger.
martedì 25 dicembre 2012

"Natale con semplicità" un dono da Claudio Cordella



Buon giorno ma sopratutto BUON NATALE!!!

Il modo migliore di festeggiare il Natale con voi è sicuramente leggere un buon racconto, dedicato al Natale, prima di andare a scartare questo regalo è doveroso ringraziare l'autore che gentilmente ha collaborato allo speciale di quest'anno.





CLAUDIO CORDELLA è nato a Milano il 13 luglio del 1974. Si è trasferito a Padova dove si è laureato prima in Filosofia e poi in Storia per poi diplomarsi nel 2009 nel master in Conservazione, gestione e valorizzazione del patrimonio industriale. Ha collaborato per alcuni anni con il giornale free-press la Piazza e cura ancor oggi la rubrica Oriente vs. Occidente per la rivista Living Force Magazine. Ha scritto per la rivista tolkeniana online Endóre dei saggi comparativi incentrati sull'opera di J. R. R. Tolkien e sul fantasy orientale. Per Edizioni Scudo ha scritto il fantasy Il gioco del drago argento, inserito nel vol. 1 dell'antologia Mahayavan - Racconti delle terre divise, e Scaglie d'oro, apparso nel volume steampunk Vapore italico mentre una sua novella è stata inclusa nell'antologia Symposium (Edizioni GDS). È stato co-curatore con Alexia Bianchini dell'antologia D-Doomsday (CIESSE Edizioni), dedicata a tematiche di carattere apocalittico. È il vice direttore del web magazine Fantasy Planet (La Corte Editore) e collabora con la rivista online Speechless.

Ora vi lasciamo al racconto e vi auguriamo un felice e sereno Natale!! 


Il viaggio di Billy W. Graham, dal paesino di Scudder verso il Vecchio Continente, non era iniziato nel migliore dei modi.
Tanto per cominciare, a causa dell'ennesimo uragano che si era formato al di sopra del Golfo del Messico, il volo su cui si era imbarcato era stato dirottato nella direzione opposta, verso Los Angeles. Alla noia di tutte quelle ore vuote, gettate via nella sala d'imbarco passeggeri del terminal, si aggiunse ben presto l'ansia di essere finito in terra pagana. Da un certo punto di vista trovava ironico il fatto che sarebbe partito da quella
California infernale, infestata da hippy e atei liberali, solo per finire in quella strana penisola a forma di stivale popolata di papisti.
Certo, sapeva di essere un privilegiato in quanto cittadino del Regno del Cristo d'America, in cui la parola contenuta nelle Sacre Scritture era legge. Il Regno non era ancora una nazione in senso proprio, ma indicava un'ampia area geografica del Sud degli States, un tempo nota come Bible Belt, in cui i fondamentalisti protestanti, riuniti in una rinnovata alleanza all'insegna dell'estremismo cristiano di destra, avevano
conseguito un'indiscussa egemonia.
L'unione federale degli Stati Uniti, a differenza del passato, era diventata un qualcosa di più teorico che di concreto. Al di sotto di una democrazia di facciata e a una formale adesione al governo federale, si era
instaurata una concreta teocrazia. Ad esempio, tre anni prima in Alabama era stata lapidata a morte l'adultera ventiduenne Jennifer Massoli. Da tempo l'evoluzionismo era stato bandito dall'insegnamento, nelle scuole e nelle università, in favore del creazionismo. 
In linea di principio, Graham era consapevole che altrove le cose andassero in modo assai diverso. In Iran e in Arabia Saudita i governi facevano le cose giuste, ma in nome della divinità sbagliata, mentre altrove esistevano paesi privi di una qualsivoglia guida d'ispirazione divina. Quindi teoricamente sapeva cosa aspettarsi dalla California. Eppure, anche se si riteneva psicologicamente preparato, il disgusto che provò lo
colpì con forza. 
Prima vide il bambino. Allegro e vivace, correva su e giù con un pupazzetto in mano, doveva avere sì e no nove anni. Solo in seguito riuscì a scorgere, seduta poco lontano da lui, la madre del piccolo. Era una giovane donna, alta e bionda. In seguito arrivò un'altra ragazza. Capelli corvini, pelle color caffellatte,
portava tre grosse tazze di plastica con del tè caldo. Il bacio che le due si diedero, rapido ma per niente affatto platonico, gli tolse subito ogni dubbio in merito a quale fosse il loro rapporto tra loro. Dovette farsi forza per non urlare e chiedere l'intervento di un agente. Era ben consapevole di essere tra infedeli, lì nessuno avrebbe affidato il bambino ai servizi sociali e trascinato le due sgualdrine in un apposito campo di 
rieducazione. Per sua fortuna un'ora e mezza dopo Billy poté finalmente ricominciare il suo viaggio, lasciandosi alle spalle quei demoni.
Il resto della sua odissea verso la tenebrosa landa dei papisti procedette senza alcun inconveniente, riuscì persino a dormire.
Sognò il giorno dell'Ascensione, quando i veri credenti sarebbero saliti corpo e anima in Paradiso lasciando atei, eretici e pagani sulla Terra a subire il tormento dell'apocalisse.
Vide che un angelo dalle grandi ali, bianche e immacolate, era venuto a prenderlo. Una meravigliosa creatura angelica simile in tutto e per tutto a una donna. Avvertì distintamente la sensazione di un corpo nudo e caldo stretto al suo, avvinghiati assieme si perdettero nella luce paradisiaca del Cielo.
Quando si svegliò corse di volata alla più vicina toilette, accorgendosi con suo grande disappunto di essere venuto nei pantaloni. Non poté fare a meno di provare un forte disgusto per se stesso. Era stato contaminato da pensieri impuri! Dopo essersi ripulito alla ben meglio, sino a quando non atterrarono all'aeroporto di Fiumicino, continuò a pregare imperterrito a occhi chiusi. Giunto al suo albergo in pieno centro si fece una
rapida doccia e si cambiò d'abito. Poi corse a piedi, a rotta di collo, in direzione di Piazza San Pietro.
Seppure il colonnato del Bernini lo accolse in un caldo abbraccio luminoso, dal punto di vista di Graham quelli erano solo quattro marmi buttati lì alla rinfusa e illuminati da soffuse luminarie natalizie. Nella sua mente intravedeva di già i bagliori ultraterreni della Gerusalemme celeste e nessuna opera papista poteva competere con quello splendore. A fatica si fece largo tra la folla di fedeli accorsi per la messa della Vigilia officiata dal pontefice.
Non attese di raggiungere il cuore della piazza per agire, l'importante era che lui fosse lì, in quel luogo che era solo opulenza, sfarzo decadente e vanagloria. La micro-testata nucleare a fusione che gli era stata chirurgicamente impiantata nel corpo, un'arma sviluppata dai servizi segreti del Regno, generò in 600 nanosecondi un'ondata di 320 milioni di gradi, oltre che a una fortissima onda d'urto, radiazioni e un impulso
elettromagnetico dannoso per qualsiasi tipo di elettronica. 
Quando la notizia dell'attentato fece il giro del pianeta i grandi della Bible Belt, felici dello scopo raggiunto, portarono i loro seguaci nelle piazze a cantare inni e a gioire. 
Invocavano la Terza Guerra Mondiale, l'apocalisse termonucleare che avrebbe dato il via al ritorno di Cristo e alla salvezza degli autentici credenti dalla Valle di Lacrime. Erano ancora lì a salmodiare, agitandosi come drogati in crisi di astinenza, ululando al cielo da ore, quando i missili a testata nucleare multipla arrivarono.
Fu senz'altro il Natale più luminoso della storia. Dio non sembrò gradirlo affatto e non si scomodò a scendere su quel cumulo di ceneri radioattiva che per i fedeli del Regno doveva costituire il più gradito dei doni.

lunedì 24 dicembre 2012

"Natale con semplicità" un dono da Fabrizio Fortino


Ciao a tutti,

non potevamo lasciarvi a bocca asciutta proprio oggi ed è per questo che siamo qui e per augurarvi una buona vigilia di Natale abbiamo deciso di scartare con voi un nuovo pacco regalo che ci viene gentilmente offerto da...

 
Il tarlo della scrittura ha perseguitato Fabrizio Fortino fin dalla tenera età, ma tutti i suoi scritti in giovane età son o finiti nel cestino, sebbene siano rimasti nei suoi ricordi. Cresce cimentandosi in ogni forma d'arte: disegni, pittura, modellismo, lasciandosi contaminare da qualsiasi genere o stile, accogliendo con entusiasmo suggerimenti e consigli da chiunque sia disposto a dargliene. È in età adulta che la passione per la scrittura si fa pressante, provocando in lui il bisogno ossessivo di mettere su carta ogni sua immagine o pensiero che ruota intorno ad una vicenda ben precisa, in luoghi e tempi al di là dell’immaginario. Questo vorticare di pensieri porta infine alla realizzazione di Black Port, il suo romanzo d’esordio, la sua storia.


Buona lettura e BUONA VIGILIA DI NATALE!!!



Non che ci tenessi in particolar modo a passare la vigilia di Natale in famiglia, ma almeno, per quella sera, non avrei dovuto cenare in uno di quei squallidi ristorantini della boulevard. I contro erano vari, forse perfino troppi per giustificare la mia presenza in quella casa, ma per quella sera, e dico, solo per quella sera, ingoiai il boccone amaro. Ma del resto, come in ogni situazione ambigua (e non so dirvi quanto imbarazzante) che si rispetti, fu una telefonata a salvarmi dalle insulse chiacchiere di quella variegata marmaglia che tendo troppo spesso a chiamare “famiglia”. In fondo, contavo proprio su questo genere d’interruzioni fortunose che di recente, complice il mio lavoro, capitavano anche troppo spesso. 
Fu all'incirca tra la seconda portata di tacchino glassato e il brasato in salsa di mirtilli rossi che il mio cellulofono squillò con insistenza.
“Fulton” dissi con tono perentorio. Attesi che la voce dall'altro capo terminasse di vomitarmi addosso un fiume di parole di cui non capii altro che... Omicidio... Tähtikuja 1, FI-96930 Napapiiri.
Furono sufficienti quelle poche parole per farmi catapultare fuori di casa. I miei, tra la confusione e le infinite pietanze, non se ne accorsero neanche.
La zona era transennata da lunghe strisce bianche e rosse, del tutto simili a quegli odiosi bastoncini di zucchero che tanto andavano di moda da quelle parti. Le sirene multicolori dei mezzi del dipartimento danzavano con la miriade di lucine che illuminavano la casa a festa. Casa non era il termine appropriato. Come chiamereste voi una reggia da nababbi (Nababbi Natali in questo caso) con svariati ettari di terreno, piscine riscaldate, sale svago su ogni piano, fabbrica di giocattoli annessa e magazzini a perdita d'occhio? Reggia? Sì, il termine è appropriato.
L'occhio mi cadde sul recinto che costeggiava il lato destro della struttura. Una piccola folla in tuta bianca si accalcava su quelli che a prima vista sembravano corpi stesi al suolo senza troppa grazia.
Se la troppa grazia, poi, è sinonimo di smembramento, allora assume tutto un altro significato.
“Fulton, FBI...” dissi in tono neutro atteggiandomi nel mio completo scuro.
“Cosa ci fa il Fairy Boreau Investigation da queste parti?” chiese scocciato uno degli ematologi impegnato a catalogare quello che avrebbe fatto pendant solo con un tavolo da macellaio a fine giornata.
Lanciai al giovane uno sguardo poco amichevole e mi feci largo tra i nastri e le tute bianche.
“Ci sono tutte... sì insomma, tutte non è la parola adatta” disse lui.
“Lo vedo da me” risposi osservando senza troppo interesse i corpi sezionati di quelle che erano state nove renne.
“Rudolph, Dixen, Vixen, Comet, Dazzle...”
“Non ti ho chiesto un elenco”. Il ragazzo cominciava a darmi sui nervi.
Qualcuno mi chiamò a gran voce.
“Fulton, fottuto folletto dal colletto bianco!”
Quella voce. Mi girai verso il nuovo venuto. “Stufur” dissi senza troppo calore.
“Sapevo che il Boreau avrebbe finito per mandare qualcuno, ma non credevo che fossero così a corto d’idee da mandare te” disse ridendo.
“Come butta Stufur?” chiesi senza smettere di osservarmi intorno. C'era un bel macello nel recinto, e la storia non era di certo finita lì. Le tracce di sangue proseguivano fin dentro l'uscio.
“Ce n'è per tutti gusti. Vieni...”
Il piccolo folletto incartapecorito mi guidò all'interno della reggia. Come promesso, ce n'era veramente per tutti i gusti, anche se la musica non cambiava poi tanto.
I corpi di una decina di elfi giacevano a terra scomposti e rotti. Sembravano vecchi pupazzi ai quali un padrone stanco della loro compagnia aveva (con molto zelo ed efficienza) donato un ultimo sprazzo di attenzione. Un attenzione mortale.
Il vecchio Stufur inciampò in una delle teste che ingombravano il pavimento insanguinato.
Probabilmente quella di Pottaskefill (riconobbi il berretto colorato).
“Cacchio... come lo tolgo il sangue dagli stivali adesso” ghignò il folletto scalciando a vuoto.
Lo ignorai, cercando di farmi un’idea più precisa di quello che era capitato in quella casa.
“Opera del Grinch! Quello sporco bastardo è sceso a valle per augurarci il Buon Natale!” disse strofinando lo stivale contro un divano di broccato.
Memorizzai il concetto, ma la mia mente si rifiutò di immagazzinarlo. Il Grinch non era il responsabile di quel massacro. Troppa foga, troppo caos, troppo follia. Il Grinch, ammesso e non concesso che avesse avuto il coraggio di imbarcarsi in un'impresa punitiva di tale entità, si sarebbe preso più tempo per operare lo scempio. Avrebbe fatto le cose con tutti i crismi e probabilmente avrebbe dato anche una rassettata (lo conosco, tende a essere un perfezionista su queste cose) oltre a trascinarsi via il suo corpo steso a terra in decine pezzi macilenti.
Indicai la poltiglia verde a Stufur.
“Credo che gli sia difficile augurarci il Buon Natale in quello stato”.
Il vecchio folletto rimase a fissare inebetito quella melma verdognola che era stato il Grinch fino a poche ore prima.
“E allora chi dannazione è stato?” chiese senza più un briciolo di dignità.
“A chi appartiene questa casa Stufur?” chiesi con dolcezza studiata.
“Che domande mi fai” rispose con stizza, “tutti sanno di chi è questa casa. Lo so io, lo sai tu e lo sanno.... sapevano loro” disse indicando i cadaveri.
“Rispondi alla mia domanda”.
“Ma a Babbo Natale naturalmente”.
Sorrisi soddisfatto, ma ovviamente Stufur non colse i miei pensieri. Tipiche frasi come ‘stai pensando anche tu quello che penso io?’, con alcuni folletti non funzionano proprio.
“Che stai cercando di dirmi Fulton?”. Si avvicinò a me tanto da toccare il mio naso con il suo.
“Per farla breve, amico mio, l'unico corpo che manca in tutto questo casino è proprio quello del padrone di casa. Quindi...”
“Vuoi dire che è stato rapito dall'assassino?”
“No idiota. È lui l'assassino!”
Forse avrei dovuto adottare una tattica meno aggressiva. Forse non avrei dovuto minare a quel modo la sanità mentale (già provata) del vecchio folletto, fatto sta che un fiotto di vomito andò a zozzare il già lurido pavimento.
“Che diavolo stai cercando di dirmi?”
“Niente di più di quello che ho già detto” risposi.
“Cioè che....”
“Troviamo Babbo Natale e troveremo l'artefice di questo macello”.
Quello che seguì ve lo risparmio per decenza. Sappiate solo che dovetti fare appello a tutta la mia scorta annuale di calma per non aprire un bel buco slabbrato calibro 9 nella testa vuota di Stufur.
“Escluso” insistette, “Babbo non potrebbe mai… lui non…”
E’ buffo come certe situazioni già di per sé stravaganti, possano peggiorare in maniera ancora più grottesca in solo pochi istanti. Se in quei pochi istanti poi, un vecchio folletto disperato e incredulo, si mette ad aprire porte che nessuno degli agenti aveva avuto la compiacenza di controllare prima, allora tutto assume sfumature ancora più ironiche.
Una massa informe si scaraventò attraverso l’uscio troneggiando sopra il povero Stufur. I suoi occhi mi colpirono in particolar modo. Uno sguardo del genere l’avevo visto solo in occasione della caccia all’orco idrofobo della primavera di sangue di Tarsankagas.
Il grosso vestito rosso dal colletto di pelliccia era strappato e sporco; così come la folta barba bianca, ora chiazzata di cremisi e di qualcos'altro cui preferii non dare un nome.
Il frastuono colpì le mie povere orecchie a tal punto da dovermele coprire con le mani.
Babbo Natale torreggiava con in mano una rumorosa motosega che spruzzava sangue nebulizzato sul povero, e ormai in preda alla follia più nera, Stufur.
“Oh Oh Oh! Buon Natale!” gridò l’omone poco prima di schiantare la motosega sulla testa del folletto.
Furono le ultime parole che uscirono dalla sua bocca. Anche perché, quello che rimase della sua testa, bocca compresa, era ora sparso a terra in una poltiglia macilenta e insanguinata.
A me rimaneva in mano una pistola fumante e tanta amarezza.
“Niente regali per te Babbo” dissi in un filo di voce. “Sei stato troppo cattivo”.
 

add

add1

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger... http://www.wikio.it

traduttore

Search

Caricamento in corso...

le ultime recensioni

le ultime recensioni
clicca l'immagine

la voce

il dono

kayla

I nostri lettori

Chi ci segue?

I miei lettori

Follow Twitter

bottone wikio

http://www.wikio.it

facebook

Aspettiamo

Aspettiamo
clicca l'immagine

14 novembre

14 novembre

22novembre

div

div

icone giudizio

Icone di giudizio

Icone di giudizio ...^^

Icone di giudizio ...^^

div

div

archivio

archivio

div

div

librerie anobii

LE NOSTRE LIBRERIE SU ANOBII

lib.Fine

LIBRERIA FINE

anobii F

lib.Sogno

LIBRERIA SOGNO