puntatore

The Holy Bible And Cross

potere alla storia

potere alla storia

Blog Archive

Partecipiamo

Partecipiamo
Historical Fiction Challenge 2012

consigliati da noi

consigliati da noi

l'artiglio del leone

avevano spento anche la luna

sosteniamo

SOSTENIAMO ---------- Image and video hosting by TinyPic

POST PIU CLICCATI

POST PIU CLICCATI

div

div

legge

div

div

serie TV1

Serie Tv interessanti:

borgia

borgia

the tudors

the tudors

downton abbey

downton abbey

titanic

titanic

div

div

GEMELLATO CON

IL BLOG è GEMELLATO CON:

collaboriamo

collaboriamo

slidCollabora


Fine_Sogno. Powered by Blogger.
domenica 6 marzo 2011

E' colpa del cuore di Indro Pezzolla




Titolo: E' colpa del cuore
Autore: Indro Pezzolla
Casa editrice: Falzea editore
Genere letterario: romanzo
Pagine: 146
Prezzo di copertina: 12,50 euro

Trama:
Parigi, cinque anni dopo il diploma, la vita di cinque amici – Philippe, Isabelle, Aurélie, Raphael, Pierre – si incrocia ancora.
L’incontro con Ivohnne, una delle artiste più in voga del momento, li trascina in un mondo intrigante e pericoloso, e le loro sorti si mescolano, si confondono e precipitano in un intrecciarsi di storie e dialoghi suggestivi.
Un’esteta.
Un mondo pungente, equivoco e spregiudicato.
Un padre scappato.
Sentimenti, amore, dolore.
Nessuno è solo buono o cattivo, tutto quello che succede è solo colpa del cuore.


RECENSIONE e PENSIERO

"Due cose mi hai regalato: sensazioni stupende...e per questo posso solo ringraziarti, una terribile sofferenza...e per questo posso solo ringraziarti"

Parigi, cinque anni dopo il diploma, la vita di cinque amici si incrocia ancora. L'incontro con Ivohnne, una delle artiste più in voga del momento, li trascina in un mondo intrigante e pericoloso, e le loro sorti si mescolano, si confondono e precipitano in un intreccio di storie e dialoghi suggestivi. Un' esteta. Un mondo pungente, equivoco e spregiudicato. Un padre scappato. Sentimenti di odio, amore, dolore. Nessuno è solo buono e cattivo, tutto quello che succede è solo colpa del cuore

La forza di "E' colpa del cuore" sono i dialoghi, sempre chiari, scorrevoli e brillanti.


Un libro da leggere lentamente per entrare in simbiosi con i personaggi e vivere con loro avventure e disavventure. Imparare a conoscerli, comprenderli, rispecchiarsi nella loro vita e nei loro valori



Bene ora facciamo due chiacchiere con l'autore di questo romanzo....
Cari lettori oggi abbiamo il piacere di ospitare nel nostro blog "Alla Fine del Sogno" 
Indro Pezzolla


1)Sui vari motori di ricerca si trovano diverse informazioni sul libro ma niente sull'autore. Chi è e cosa fa Indro Pezzolla nella vita?

Indro è un ragazzo di 31 anni che da 10 anni svolge un lavoro amministrativo presso una delle più importanti aziende editoriali italiane. Il richiamo della fantasia e del poter dar sfogo alla sua creatività lo ha portato in questa avventura.


2) Qual è l'azienda editoriale per cui lavori e perchè vieni pubblicato da un altro editore?

Il nome dell'azienda preferirei non dirlo ma, ovviamente, è stata la prima casa editrice a leggere la prima versione del mio libro quando era ancora un racconto. Ho ricevuto una bocciatura e dei consigli utili ma non ho avuto più risposta per la seconda versione come nemmeno per i successivi lavori che gli ho sottoposto. A distanza di un anno so che non sono ancora stati letti e penso di aver ricevuto la prima risposta per cortesia avendo usato la mail aziendale per inviare il manoscritto. Conosco altre persone che hanno inviato un manoscritto alla mia azienda senza aver mai ricevuto risposte. Le grandi aziende, a torto o a ragione, seguono le logiche dei grandi numeri e non investono sugli emergenti.


3) Per scrivere "E' colpa del cuore" hai preso spunto da fatti di cronaca o da vicende a te vicine oppure è tutto frutto della tua fantasia di scrittore?

I fatti di cronaca li ho totalmente trascurati, se dovesse esistere qualcosa di simile sarebbe una pura coincidenza. Me stesso e le persone che mi circondano sono uno spunto per creare non tanto le vicende quanto la personalità dei protagonisti, poi tutto il resto è lasciato nelle mani della cosa più importante: la fantasia.


4) Perchè hai deciso di ambientarlo in Francia?

L'ambientazione, come avrai notato leggendolo, non è assolutamente importante perchè il mio stile di scrittura lascia grande spazio alla storia raccontata dai dialoghi dei protagonisti e mette in secondo piano le descrizioni di luoghi, caratteristiche fisiche dei personaggi e dei loro stati d'animo. Non guido il lettore dove voglio io, ma lo metto di fronte a una storia e alle parole dei protagonisti lasciando che sia la sua libera immaginazione a fare il resto. Detto questo... perchè in Francia e perchè Parigi? Due anni prima di scrivere E' colpa del cuore, uscito quest'anno ma scritto nel gennaio del 2009, ho letto Il pescatore della neve di Carla Lastoria, libro ambientato a Parigi. Dopo quella lettura è nato in me, per la prima volta, il desiderio di scrivere un romanzo e la scelta di quell'ambientazione è stata un modo per rendere omaggio a quel libro che ha avuto anche il grande merito di far nascere l'amicizia tra me e Carla.


5) Ami leggere? Se si, quali generi letterari?

Sono interessato e affascinato dalle letture zen, leggo sporadicamente romanzi e sono un accanito lettore di aforismi... ne avrai trovati molti nella storia mischiati ai dialoghi dei personaggi. Sono contraddistinti dal fatto che sono scritti in corsivo. Una volta mi fu regalato un libro da una ragazza che aveva colto la mia passione per gli aforismi, si intitola La vita in una frase e ripercorre la storia degli aforismi dagli albori ad oggi. Penso che gli aforismi siano il modo migliore per spiegare la mia scrittura, li adoro perchè danno nella loro essenzialità ed immediatezza la risposta a dei temi così grandi, che non possono essere descritti con la stessa efficacia se si utilizzassero troppe parole. Ed è quello che cerco di fare io con l'essenzialità del mio stile che va comunque a toccare dei temi profondi. Io utilizzo gli aforismi, li contestualizzo alla storia e alla quotidianità degli eventi. Spesso l'ispirazione di ciò che scrivo nasce dalla lettura di un aforisma che mi colpisce e allora inizio ad immaginare un personaggio che potrà pronunciare quella frase e lo creo. Altre volte ho in testa il titolo e comincio a scrivere la storia in funzione del messaggio che quel titolo vuole esprimere.


6) E' difficile per uno scrittore esordiente trovare una casa editrice disposta a pubblicarlo?

E' difficile trovare un buon editore, e soprattutto ben distribuito, disposto a pubblicarti. Se si vuole semplicemente essere pubblicati di offerte "scandalose" se ne trovano. Falzea Editore è un buon editore, egregiamente distribuito a livello nazionale.


7) Cosa ne pensi del fenomeno dell'"editoria a pagamento"?

Quando sono venuto a conoscenza dell'editoria a pagamento sono rimasto senza parole perchè mi sembrava assurdo. Invece di essere pagati bisognava pagare? Poi mi sono informato sui costi e sui margini editoriali e ho scoperto che quando si toglie da un prezzo di copertina la percentuale per il distributore, quella per la libreria, quella per i diritti d'autore, il costo di stampa, la realizzazione della copertina... beh per l'editore rimane veramente poco e il rischio che il progetto sia un fallimento (trattandosi di un autore emergente) è alto... è anche vero che se un editore non è disposto a correre alcun rischio investendo su un autore farebbe meglio a cambiare lavoro e tanti dovrebbero farlo...

Il consiglio che io mi sento di dare è quello di valutare la cifra che l'editore chiede rapportata a ciò che offre in termini di distribuzione, promozione, tiratura, servizio di editing, realizzazione della copertina (che è il primo biglietto da visita di un libro), copie omaggio (utili in molte fasi dell'autosponsorizzazione), disponibilità ad organizzare eventi, presenza alle fiere del libro etc... e non necessariamente quello che offre di più richiede la cifra più alta... la cosa più importante resta la distribuzione perchè non c'è niente di più brutto per un autore che ha pubblicato un libro, sapere che chi lo vuole non riesce a trovarlo...

Purtroppo però, ci sono pessimi editori bravissimi a vendersi... io ho ricevuto un'offerta in cui mi sembrava di avere di fronte una multinazionale: si parlava di radio, televisione, fiere, ottima distribuzione, iscrizione a concorsi, libro che diventa film... poi però avrebbero stampato 360 copie e la metà le dovevo comprare io... c'è qualcosa che non va... io invito qualunque scrittore emergente, prima di firmare un contratto, ad informarsi in internet, a leggere blog, chiedere consigli e ad andare fisicamente nelle librerie e sentire che parere esprimono su certi editori..

Quando si sogna, e pubblicare un libro è un sogno, si perde facilmente il contatto con la realtà, si diventa impulsivi ed è facile rimanere fregati...


8) Hai altri progetti in serbo per i tuoi lettori?

In totale ho scritto 7 "opere", non li chiamo libri perchè sono più simili a dei racconti come lo era anche E' colpa del cuore quando è nato... un tempo volevo fare un libro di racconti ma mi è stato detto che non è commerciale e a meno che non lo scriva un autore famoso non ci sono molte possibilità di essere pubblicati...

Mi rendo conto che io, come lettore, non faccio eccezione a questa regola perchè quando entro in libreria e sfoglio un libro di racconti poi non lo compro, forse perchè mi sembra che non abbia una sua identità... quindi quello che ho in serbo per i lettori è di trasformare le mie opere da racconti a romanzi e pubblicarli... tutti tranne uno, quello che reputo il più bello, che non può essere trasformato ma ha ragione di esistere solo nella sua attuale forma... probabilmente per pubblicarlo devo prima diventare famoso oppure devo trovare un'altra soluzione... si vedrà...


9) Un'ultima domanda, quella con cui concludo tutte le mie interviste: come immagini la tua vita fra 10 anni?

La vita è quello che ti capita mentre stai facendo altri progetti... ti dicevo che mi piacciono gli aforismi, ti ho appena citato John Lennon...

La vita va vissuta adesso perchè è qui e ora... non sappiamo cosa ci attende e tutto quello che abbiamo possiamo perderlo in un secondo... questo è il modo in cui vorrei vivere e in fondo non credo di riuscirci perchè per cultura ed educazione sono abituato a guardare avanti, a fare progetti, ma è più importante il viaggio o la destinazione? Quello che vivo lo assaporo veramente?

Per cui ti rispondo che non voglio immaginare come sarà la mia vita fra 10 anni e che penserò al futuro quando sarà più importante del presente...

Poi, se vogliamo fare un viaggio con la fantasia facciamolo... ti posso dire che mi piace immaginarmi come uno scrittore di successo, famoso, sereno, sposato e con figli... mi piace pensare di essere diventato qualcuno ma di riuscire ancora a considerarmi nessuno... mi piace pensare di aver ricevuto un'offerta irrinunciabile da un grande editore e di averla rifiutata fregandomene del mutuo che ho da pagare... mi piace pensare di aver continuato l'avventura con chi ha creduto in me fin dall'inizio... mi piace pensare di aver contribuito a trasformare un piccolo editore in un grande editore con la speranza che non si dimentichi di essere stato piccolo e che continui a dare spazio a talenti emergenti... mi piace pensare che troverò sempre un modo per esprimere la mia creatività perchè nulla è per sempre e anche il desiderio di scrivere potrebbe finire... mi piace pensare che fra 10 anni quando verrò intervistato proverò ancora quello che provo oggi nella mia prima intervista e quel giorno avrò un pensiero per te...

Ti ringraziamo di essere stato con noi e un grande in bocca al lupo


.


0 pensieri:

add

add1

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger... http://www.wikio.it

traduttore

Search

Caricamento in corso...

le ultime recensioni

le ultime recensioni
clicca l'immagine

la voce

il dono

kayla

I nostri lettori

Chi ci segue?

I miei lettori

Follow Twitter

bottone wikio

http://www.wikio.it

facebook

Aspettiamo

Aspettiamo
clicca l'immagine

14 novembre

14 novembre

22novembre

div

div

icone giudizio

Icone di giudizio

Icone di giudizio ...^^

Icone di giudizio ...^^

div

div

archivio

archivio

Blog Archive

div

div

librerie anobii

LE NOSTRE LIBRERIE SU ANOBII

lib.Fine

LIBRERIA FINE

anobii F

lib.Sogno

LIBRERIA SOGNO